La Caprese nasce in quel piccolo angolo di paradiso che è l’isola di Capri questa gustosa insalata che si pregia dei colori della nostra bandiera nazionale, quali il verde brillante del basilico fresco, il bianco della mozzarella di bufala ed il rosso acceso del pomodoro.

L’insalata caprese è un piatto unico fresco, semplice e gustoso, che ha ampiamente valicato i confini della splendida isola di Capri, diventando uno dei simboli della cucina italiana nel mondo. Immancabile nei menu dei ristoranti italiani ad ogni latitudine, la caprese è tra i piatti più richiesti dai turisti stranieri in vacanza nel Bel paese.

Come antipasto o contorno, durante una cena d’estate o una gita in barca, la caprese, con il suo gusto delicato e la sua semplicità, è adatta ad ogni situazione.

Origini della caprese

Si può essere portati a pensare che una pietanza così essenziale abbia umili origini, e, invece, la caprese nacque in un contesto d’élite.

Negli anni Venti, nientemeno che Filippo Tommaso Marinetti fu ospite del celebre Grand Hotel Quisisana di Capri, tuttora meta del turismo caprese più esclusivo. Nel Manifesto della Cucina Futurista, Marinetti aveva pubblicamente espresso la sua avversione verso il consumo della pasta, accusata di generare “fiacchezza, pessimismo ed inattività nostalgica” in chi se ne cibava. Tenendo conto di tali sue affermazioni, nel menu del Grand Hotel Quisisana comparve per la prima volta questa insalata a base di mozzarella, pomodoro e basilico, senza l’aggiunta di farinacei.

Come preparare l’insalata caprese

Chiunque può preparare una caprese. La ricetta che proponiamo prevede l’uso della Mozzarella di Bufala Campana DOP, corposa, avvolgente e saporita, prodotta con il latte di bufala intero nei caseifici delle province di Caserta e Salerno, ed in alcuni comuni del beneventano e del napoletano. Potete anche scegliere la mozzarella di latte di mucca o il fior di latte, più leggera. L’importante, in ogni caso, è che sia freschissima. Si sconsiglia di utilizzare i bocconcini di mozzarella, a meno che si desideri servire la caprese sugli spiedini.

Per quanto riguarda i pomodori, i più adatti sono quelli di Sorrento, tondi e dalla polpa carnosa, coltivati nell’area collinare della Penisola Sorrentina. Per la preparazione dell’insalata caprese vi occorrono pomodori al massimo grado di maturazione, ma adeguatamente sodi.

Per la buona riuscita del piatto, oltre ai due ingredienti protagonisti, sono di fondamentale importanza il basilico, a foglia grande, fresco e profumato, e l’olio extravergine di oliva, da scegliere, preferibilmente, dal gusto delicato e fruttato.

Vediamo passo per passo come preparare, in pochi minuti, una gustosa insalata caprese, semplice e colorata.

Ingredienti per 6 persone

  • 800 g di pomodori di Sorrento;
  • 700 g di mozzarella di bufala;
  • basilico fresco;
  • olio extravergine di oliva;
  • sale.

Lavate i pomodori e privateli del peduncolo verde. Sciacquate con cura il basilico fresco.

Affettate sia i pomodori che la mozzarella di bufala nel senso della lunghezza, ottenendo fette delle stesse dimensioni e dello spessore di circa un centimetro.

Una volta tagliati i pomodori, eliminate l’acqua di vegetazione e tamponate delicatamente le fette di mozzarella con della carta da cucina, per eliminare il liquido in eccesso.

Distribuite le fette di pomodoro e mozzarella ordinatamente in un piatto, alternandole. Versate in un contenitore l’olio di oliva ed un pizzico di sale, mescolate e versate il condimento ottenuto sui due ingredienti principali. Poco prima di servire, decorate il piatto con qualche foglia di basilico. Servite la caprese a temperatura ambiente, e ricordatevi di aggiungere il basilico poco prima di servire, in quanto tende ad appassire ed annerire rapidamente.

Nulla vieta di aggiungere altri ingredienti, come origano ed un pizzico di pepe, preferibilmente bianco.

Come ogni ricetta della tradizione italiana, anche la caprese ha delle regole da rispettare. Per scongiurare il rischio di alterare il sapore del pomodoro, infatti, è fondamentale che la mozzarella non perda troppo latte.

Si sconsiglia vivamente di aggiungere aglio, aceto, maionese, uova, olive, salse e sughi di qualsiasi tipo.

All’estero capita, purtroppo, di vedere caprese salad completamente snaturate da accostamenti spericolati e sommerse da condimenti eccessivi, che compromettono il risultato finale coprendo i tre sapori mediterranei del basilico fresco, dei pomodori e della mozzarella di bufala, che, insieme, hanno dato vita ad una delle unioni più azzeccate della gastronomia italiana.

Versione agrodolce

Un’insolita versione della classica caprese prevede l’aggiunta di una pesca matura tagliata a fette e grigliata sulla piastra. Negli anni la caprese è stata proposta in svariate versioni, con l’aggiunta della frutta al posto dei pomodori, e divenendo persino oggetto di sperimentazioni da parte della cucina destrutturata e molecolare.

Total
6
Shares

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*