Antica Porta di Levante

L’Antica Porta di Levante : recensione

Dopo una visita a Scarperia e San Piero per Italia Nascosta ci siamo spinti lungo le strade del Mugello alla ricerca di un Ristorante che non soltanto ci togliesse l’appetito, ma che avesse anche qualcosa di interessante da poter essere raccontato. Come spessso faccio ho cominciato a leggere un po’ di nomi tramite il mio smartphone e, quando ho letto L’Antica Porta di Levante, devo ammettere che sono rimasto decisamente affascinato. E così ci siamo diretti verso questo ristorante che si trova nella piazza principale di Vicchio.

Splendida vista sul Mugello in un ambiente particolare

Il ristorante si sviluppa in più sale. Nel nostro caso eravamo a mangiare in uno spazio davvero speciale ; alle nostre spalle una grande finestra sul Mugello e – di fianco a noi – una vera e propria libreria come ci si immaginerebbe di trovare in una casa. un ambiente informale, in grado di farti sentire un po’ a casa.

Piatti legati al territorio

Che bello mangiare toscano in Toscana ! Può sembrare una banalità, ma oggi come oggi non è scontato trovare posti che ti servano piatti e materie prime realmente legate al territorio. E se oltre a servirtele, sanno anche cucinarle come si deve, ecco che si corre il rischio – affascinante – di riscoprire la vera cucina di queste zone splendide. E così è stato nel nostro caso. Abbiamo dovuto attendere un po’ (leggi : il giusto) per veder arrivare i piatti, ma ne siamo stati ben felici. La cucina espressa è un valore aggiunto. Il ristorante – tra l’altro – serve vari presidi Slow Food e fa parte dell’Alleanza Slow Food.

Cosa abbiamo mangiato

L’Antica Porta di Levante mi sono riscoperto un po’ un carnivoro. Ho cominciato con una Battuta di Manzo al coltello con scaglie di pecorino di fossa. Un sapore davvero gustoso per chi ama il crudo. Temevo che il formaggio potesse coprire il gusto della carne, ma – fortunatamente – non è stato così. Dopodichè è stata la volta dei tortelli toscani (anzi, del Mugello) in bianco. E poi sua maestà la tagliata di manzo, all’aceto balsamico , accompagnata con delle eccellenti patate al forno dal taglio rustico. Come se non avessi fatto abbastanza danni ho chiuso in bellezza con i cantucci toscani (di dimensioni extra, come sembra si usi qui nel Mugello dato che è la seconda volta che ci capita in queste zone).

In conclusione un ristorante davvero eccellente. Andateci, prenotando prima. Vi segnaliamo inoltre che al ristorante è collegata anche una struttura ricettiva, anche se non l’abbiamo provata. Chissà se si dorme bene tanto come si mangia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*